Mag 18, 2012 | Rassegna stampa

L’insostenibile bellezza della Modamorte

Intervista e recensione di Vito Tripi sul sito wordshelter.it

La recensione di un libro è rivolta ai potenziali lettori e quindi la sua funzione deve essere quella di aiutarli a decidere se leggere un libro o no, fornendogli indicazioni sul suo contenuto e sulla sua qualità

Con­ti­nuo il mio viag­gio nell’universo della let­te­ra­tura fem­mi­nile di genere spe­cie per quanto riguarda l’Italia. Un viag­gio che finora mi ha per­messo di aprire porte rima­ste per troppo tempo chiuse, mondi inte­res­san­tis­simi da visi­tare. Ahi­noi il Bel Paese su certe cose porta ancora degli stra­sci­chi cul­tu­rali molto forti certi pre­giu­dizi, un po’ ses­si­sti, un po’ ideo­lo­gici secondo i quali gli ita­liani non sanno scri­vere di genere, gra­zie Fruttero&Lucentini ma vi siete sba­gliati, soprat­tutto que­sto set­tore era pre­cluso alle donne! Mai ragio­na­mento fu più errato e miope. Oggi par­liamo dell’ultimo libro di Erika Poli­gnino, gio­vane, bella e talen­tuosa scrit­trice mene­ghina che dopo il gran­dis­simo suc­cesso di Nero Fluo­re­scente, che la resa famo­sis­sima e ama­tis­sima negli ambienti alter­na­tivi, torna con un nuovo romanzo edito dalla Mur­sia inti­to­lato Moda­morte. [prosegui la lettura]

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest

Share This